Sammichele di Bari (BA)

Impreziosito dal castello, dai mascheroni in pietra e dai menhir, Sammichele dà il benvenuto ai visitatori con il profumo stuzzicante della zampina. Nella zona centrale della Terra di Bari, Sammichele dista 28 chilometri dal capoluogo. Con un tuffo nel passato tra il XVI e XVIII secolo, ci si ritrova al cospetto del Castello Caracciolo, oggi Museo della Civiltà Contadina, al centro di numerose vicende che ne determinarono il cambio di signorie fino a quella dei duchi da cui ha ereditato il nome nel 1797, che lo fecero restaurare dandogli l’attuale aspetto. Nella piazza spicca l’Arco dell’Orologio mentre, nelle strade, ci si lascia sorprendere dalle maschere apotropaiche in pietra. La devozione del paese si manifesta nelle chiese, come quella della Maddalena costruita nel Seicento sul sito di una cappella medievale mentre la matrice dedicata a Santa Maria del Carmine è in stile neoclassico.

Informazioni

Programma

La Merenda prevede un percorso trekking lungo La Lama San Giorgio a cura della Pro-loco “Dino Bianco” di Sammichele di Bari, la visita presso il Museo della civiltà contadina “Dino Bianco” di Sammichele di Bari. A margine del percorso, presso il Museo della civiltà contadina avrà luogo la degustazione narrata da Paolo Leoci – L’accademia dei tipici: enogastronomia e oli evo di qualità del panino con la zampina, fecazze a livre e la frisella con il pomodoro fresco e basilico accuratamente abbinati alla “Carta degli oli”. L’evento è organizzato in collaborazione con Pro Loco Sammichele di Bari, Accademia dei Tipici, Slow Food Comunità di Sammichele di Bari per la tradizione della Fecazze a Livre.