Selci (RI)

Selci è un paese della provincia di Rieti, nel cuore della Sabina, con poco più di 1.000 abitanti. Il centro storico, di forma ovoidale e immmerso nel verde delle sue colline, si erge sulla cima di un’altura a 204 m. d’altitudine: “una minuscola Roma circondata dai suoi colli”. L’unico ingresso al centro storico è ancora l’antica porta “Castru Silice”, che si affaccia direttamente sui pittoreschi vicoli stretti e lunghi. La Chiesa principale è quella dedicata al SS.Salvatore. Nella chiesa si trova una Pala del XVII secolo raffigurante il SS.Salvatore fra nuvole e angeli che poggia il braccio sinistro sul globo; in adorazione S.Eleuterio papa e S.Rocco con il cane, entrambi comprotettori di Selci, S.Stefano diacono, principale protettore del paese e S.Bernardino da Siena con libro e Monogranna YHS. Un’altra Pala dei sec. XVII-XVIII, raffigurante la Madonna Immacolata, si trova sopra l’altare di sinistra. Dello stesso periodo il quadro raffigurante la “Conversione di S.Paolo” e la fonte Battesimale in legno dipinto, di artigianato locale. Numerose chiesette rurali sono sparse nella campagna, come quella di S.Stefano e quella di S.Eleuterio, oltre a quella di S.Vincenzo di jus patronato della famiglia Savini, di S.Domenico e S.Bonaventura della famiglia Quintiliani, di S.Lucia della famiglia Benedetti, da quest’ultima è stata ricavata la fontana della piazza del popolo. Della prima fortificazione del Castrum Silicij (Selci) restano il massiccio “Torrione a pianta quadrata” , che ancora oggi domina il paese, la “Rocca Castri”, la “Platea Palatii Communis” e la “Cinta Muraria”. Nella villa di tulliano, nella collina che porta lo stesso nome, sono stati rinvenuti due “Ceppi funerari”, del periodo traianeo-adrianeo, dei coniugi Tullio Epafra e Tullia Simferusa.

Informazioni

Programma

Selci ha organizzato un breve percorso su sentieri e prati, nello scenario naturale di terreni coltivati e vegetazione spontanea, che ci farà raggiungere l’uliveto in cui si svolgerà la merenda, sito su una collina panoramica con suggestiva vista da cui si potrà ammirare lo spettacolare tramonto al termine dell’evento. Il punto di ritrovo per i partecipanti è Piazza del Popolo, presso la sede dell’Ufficio Turistico, dove verranno registrati i partecipanti. In tale occasione, verrà fatta compilare loro un’autocertificazione e verranno illustrate tutte le normative e le raccomandazioni per un corretto svolgimento dell’evento, in adeguamento alle linee guida in vigore per l’emergenza sanitaria.

Le attività sono pensate per coprire l’intera durata dell’evento e per un target diversificato – camminatori, famiglie con bambini, amanti della natura e dell’enogastronomia territoriale – per favorire l’incontro e il piacere di stare insieme nella conoscenza del territorio sabino e dell’olio EVO, il rinomato prodotto secolare dalle qualità organolettiche e salutari riconosciute in tutto il mondo. Il programma prevede una serie di attività a tema, che coinvolgeranno attivamente tutti i partecipanti in una sorta di evento esperienziale informativo immerso nelle caratteristiche campagne coltivate di Selci, grazie a cui si potrà approfondire ogni aspetto di questo prezioso prodotto. Nel corso della manifestazione saranno presenti alcune aziende agricole del territorio, che metteranno a disposizione la loro professionalità e la loro esperienza nel campo. I partecipanti potranno così assistere a un incontro divulgativo e a una dimostrazione pratica della tecnica di potatura degli ulivi, soddisfare tutte le curiosità sulla loro cura e coltivazione e conoscere ogni segreto sulla produzione dell’olio.  Oltre alla coltivazione e alla produzione, sarà dato uno spazio importante all’aspetto enogastronomico dell’olio EVO nel territorio sabino, pertanto le aziende saranno presenti per tutta la durata dell’evento con i propri prodotti agroalimentari – gli stessi che saranno utilizzati nel cestino della merenda – e illustreranno le ricette per la produzione delle loro conserve e sottoli artigianali. Non mancherà all’interno del cestino la rinomata porchetta P.A.T. che, insieme all’olio EVO, rappresenta il prodotto alimentare per eccellenza di Selci. I partecipanti potranno dunque gustare una merenda varia e completa dei diversi prodotti caratteristici del luogo con verdure sottolio, pane e olio, la rinomata porchetta, frutta di stagione, dolci tipici. Ospite della manifestazione sarà l’associazione Slow Food, che affiancherà le aziende nell’illustrazione dei vari prodotti. Un altro aspetto dell’olio EVO a cui sarà dedicata un’attività è quello del suo impiego nella produzione artigianale a fini cosmetici, curativi e per l’igiene. Una produttrice esperta tratterà a livello informativo l’autoproduzione di saponi, unguenti e oleoliti a base di questo prezioso prodotto. I presenti potranno partecipare al laboratorio “Fare un unguento”, assistendo alla realizzazione di un unguento a base d’olio d’oliva – dalle potenzialità emollienti ed idratanti – sulla base di una ricetta di tradizione sabina. Ospite in questo spazio, anche l’Associazione “La Via dell’Olio”, già tra i vincitori del Bando Provinciale “Piano Sviluppo Giovani 2019” con il loro progetto che vede la produzione di un olio da massaggio ed un olio alimentare ad uso sportivo, con dimostrazioni di massoterapia.  Il tutto in linea con le finalità da sempre promosse dal Comune di Selci e dall’Associazione La Clessidra APS, realizzatrice dell’evento. Infatti, il bagaglio di conoscenze teoriche e pratiche che provengono dall’universo dei saperi della cultura e della sensibilità mediterranea sono preziose testimonianze di antiche tradizioni che vanno preservate e trasmesse alle nuove generazioni, promuovendo in tal modo non solo la cultura contadina ma anche un nuovo approccio di vita più in sintonia con la natura. Un angolo di attività, curato dal Centro Olistico Sabino, sarà destinato alle discipline naturali, offrendo la possibilità ai partecipanti di completare l’esperienza immergendosi con il corpo e la mente nell’ambiente naturale dell’uliveto, grazie a pratiche di yoga e meditazione, durante le quali gli insegnanti specialisti condurranno al rilassamento e al raggiungimento di uno stato di quiete attraverso il movimento consapevole e allenando la coordinazione e la propriocezione. Nel corso dell’evento, una parte sarà dedicata agli eventuali bambini iscritti, per i quali sarà organizzata – contemporaneamente ad altre attività destinate agli adulti – una caccia al tesoro con cui sarà possibile divertirsi e conoscere allo stesso tempo l’olio d’oliva nei suoi diversi aspetti (biodiversità, ecosistema, processo di trasformazione). I bambini saranno guidati nel percorso a tappe da un personaggio-attore e da una guida, che proporranno loro lo svelamento delle informazioni tramite l’ascolto di brevi letture di testi/poesie, giochi tradizionali da svolgere e quiz da risolvere – tutti in tema “olio EVO”.  Attraverso la forma di una giocosa avventura, i più piccoli saranno avvicinati così alla natura, all’educazione ambientale e alla cultura dell’olio. La parte finale della giornata sarà accompagnata dalla musica dal vivo di due chitarre, che proporranno delle improvvisazioni in un’atmosfera dalle frequenze rilassanti alla luce del tramonto, fino alla conclusione dell’evento con il breve percorso di ritorno.

IN CASO DI IMPOSSIBILITA A SVOLGERE LA MERENDA NELL’ULIVETO, VERRANNO MANTENUTI GLI INCONTRI DIVULGATIVI E L’INTRATTENIMENTO PER I BAMBINI, IL LABORATORIO SULLA REALIZZAZIONE DELL’UNGUENTO,VERRA REGOLARMENTE SVOLTO E AMPLIATO, CON LA DIMOSTRAZIONE DELLA REALIZZAZIONE DI SAPONE OLEOLITI.  OVVIAMENTE  SARANNO  CONSEGNATI  Al  VISITATORI  I  CESTINI  CON  LA  MERENDA  E I PRODOTTI PREVISTI.