Sinalunga (SI)

“Non è possibile vedere campi più belli, non vi ha una gola di terreno che non si alavorata alla perfezione….”. Così Johann Wolfgang von Goethe scriveva in Viaggio in Italia di Sinalunga, un centro agricolo e industriale sito nel cuore della toscana. Le leggende sull’etimologia del nome si accavallano da tempo senza che nessuno abbia sciolto definitivamente la questione. Di certo il nome attestato da tutti i documenti è Asinalonga, ma non è certo se derivi dal profilo della collina in cui sorge o dalla crasi della formula “A Siena longe”, per sottolineare la distanza dal capoluogo. Le prime tracce storiche di Sinalunga risalgono al periodo etrusco durante il quale il centro era sede di un santuario nella parte alta del paese.

Informazioni

Programma

La Merenda si svolgerà in due giornate diverse a Rigomagno e Bettolle.

Il Comune, è di origine antichissima. Le sue colline risultano densamente abitate fin dall’epoca etrusca. Rigomagno, Loc. Basso Lupai e Bettolle, Loc. La Bandita sono I luoghi dove si svolgeranno le Merende nell’Oliveta.  Rigomagno Fu costruito sul Colle degli Ulivi nel 1292 ad opera della Repubblica di Siena. Una strada corre intorno alle mura e tra gli oliveti in un percorso altamente suggestivo, fatto di odori, silenzi e panorami mozzafiato. Splendidi i poggi circostanti attraversati da strade e sentieri che permettono passeggiate tra la natura. L’Oliveto della Famiglia Mazzarrini si trova in loc. Basso Lupai luogo tra i più suggestivi e magici di Rigomagno. Bettolle si sviluppa intorno al piccolo centro medievale, del quale restano pochissime tracce, ed alla “Reale Fattoria” appartenuta per lungo tempo ai Cavalieri di Santo Stefano e poi ai Granduchi di Toscana. Oggi restano: la splendida villa, ancora intatta e moltissimi fabbricati rurali, conosciuti come “Poderi Leopoldini” perché costruiti su volere e con le indicazioni del Granduca Pietro Leopoldo di Lorena. Sul territorio immediatamente a valle di Bettolle scorre il Canale Maestro della Chiana, sui cui argini si possono fare belle passeggiate che permettono di godere della natura lontano dai rumori della vicinissima autostrada A1 e dagli svincoli della superstrada Siena-Perugia. La Bandita in Bettolle è una antica casa colonica costruita nei primi del 1800 e ristrutturata con cura e passione dai suoi proprietari. Con il termine bandita si indica una riserva naturale, ovvero un territorio, in cui sono interdette la caccia, la pesca e la raccolta.

Il 20 giugno, in Rigomagno, nell’oliveto del FRANTOIO MAZZARRINI vi sarà la partecipazione delleAssociazioni Culturali Il Bucchero e Astrolabio che animeranno la serata con canti e balli popolari. Vi sarà la presenza di un agronomo e di un tecnico olivicoltore che oltre a raccontare la storia dell’olio di oliva e della coltivazione dell’ulivo introdurrà i partecipanti alla degustazione. Sarà offerto ai partecipanti un piccolo ristoro con prodotti tipici.

 

Il  27 giugno, in Bettolle, nell’oliveto dell’AZIENDA AGRICOLA LA BANDITA, grazie al Centro ippico presente vi sarà la possibilità di fare passeggiate a cavallo gratuite per grandi e piccoli all’interno di un paesaggio olivicolo suggestivo. In altro spazio invece vi sarà la possibilità di sperimentare tecniche di yoga. Vi sarà inoltre la presenza di un agronomo e di un tecnico olivicoltore che oltre a raccontare la storia dell’olio di oliva e della coltivazione dell’ulivo introdurrà i partecipanti alla degustazione. Sarà offerto ai partecipanti un piccolo ristoro con prodotti tipici.